15/06/15

Quando piove diluvia


Questa settimana avevo in programma un post che rispecchiasse quello della settimana scorsa, con qualche foto della mia vita a Reggio Emilia e tutti i motivi per cui adoro tornare qui, nella mia città natale. Immaginavo già qualche battuta sull’afa e sul traffico, a contorno di pasti guduriosi e chiacchiere a non finire. Volevo fare una foto agli affreschi impareggiabili sul soffitto della Madonna della Ghiara, un’altra alla fontana del Teatro, coi bambini che giocano tra i flutti. Vi avrei invitato a venirmi a trovare, con la scusa delle mostre di Fotografia Europea.

In realtà, l’arrivo è stato piuttosto impegnativo, e le scorse 69 ore sono state un turbine di notti in bianco con l'occhio pallato e giorni neri con la palpebra calante, puntellati di visite all’ospedale per trovare mia mamma (non grave ma grigia).

Visto che “when it rains it pours”, cioè “quando piove diluvia”, mi aspetto da un momento all’altro che arrivino altre brutte notizie. Come volevasi dimostrare, negli ultimi dieci giorni ci sono stati due morti e un colluso, sono ingrassata tre chili, ho preso uno spigolo con la fronte trasformando la mia faccia in una maschera di sangue da far invidia a Dario Argento, e non comincio nemmeno a raccontarvi l’epopea del viaggio in aereo. Vi dirò solo che se foste stati a Heathrow venerdì pomeriggio mi avreste visto correre per tutto il Terminal 5 armata di biglietto, passaporto e minuti contati. Come se non fossi già caduta abbastanza in basso, oggi mi è crollata la sedia sotto al culo. 

Queste piccole sfighe, prese una per una, passerebbero inosservate, ma, consideratane la quantità industriale a intervalli ravvicinati, si può presagire l'impellente necessità di una visita alla Madonna di Lourdes. Un po’ d’acqua santa non fa mai male, potrei immergerci il rametto di rosmarino che la zingara della Cattedrale di Granada mi vendette come talismano assoluto infallibile e spruzzarla per tutta casa come un chierichetto con l’incenso.

Ammesso e concesso che la legge di Murphy estingua il suo corso, vi dò appuntamento alla settimana prossima. Se per caso anche voi siete vittime di malocchi vari e volete unirvi alla spedizione, possiamo organizzare un bel pulmino di scrittori in erba, chissà che non torniamo belli radiosi e troviamo una mail della nostra casa editrice preferita che vuole pubblicarci a tutti i costi offrendoci il 100% degli introiti sulle vendite.

45 commenti:

  1. L'anno è cominciato male anche per me, anche se io la sfiga me la porto dietro da una vita. Per fortuna non è contagiosa.
    Quando piove diluvia e non può piovere per sempre: sarà vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono sfighe corte e taglienti, altre subdole e di lunga durata. Nel secondo caso, "the best revenge is living well", trovando il modo di essere felici in barba a tutto ciò che ci ostacola. Scrivere è un'ottima arma a nostra disposizione in quel senso.

      Elimina
  2. Mi spiace davvero per tutto quanto!
    Un abbraccione a te e un augurio di prontissima guarigione alla mamma!

    Conosco perfettamente, per altro, la sensazione che descrivi. Per fortuna poi il sole torna. A volte gli uragani lasciano danni pratici o emotivi, ma alla fine se ne vanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara.
      I danni se ne vanno ma le cicatrici restano, a ricordarci di essere grati delle giornate noiose in cui non succede nulla.

      Elimina
  3. Mamma mia, mi dispiace davvero :( Speriamo che la ruota giri presto.
    Io ultimamente rompo tutte le cose elettroniche... si vede che la sfiga ha vari modi di colpire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie bella.
      Se rompi le cose elettriche vuol dire che hai una carica energetica talmente potente che interferisce perfino con gli oggetti. Potrebbe esserci uno squilibrio nel tuo livello ormonale o forse in questo periodo hai un desiderio forte che guida i tuoi passi.
      Non che io ci creda davvero, al paranormale, ma anni fa, senza volere, accendevo e spegnevo i lampioni per strada al mio passaggio e la gente cominciava a guardarmi male :D

      Elimina
    2. Caspita, mi sa che ci hai preso in pieno su entrambi i fronti... Un abbraccio, che il sole torni a splendere presto su di te :)

      Elimina
    3. Allora ti aspetta un'estate interessante!

      Elimina
  4. Io conosco un proverbio: "Scrivere un'ora o più al giorno toglie il malocchio di torno!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che scrivere il blog valga come rimedio...

      Elimina
  5. Lisa mi spiace tanto! ♥ però è bellissimo che la tua positività si noti comunque! Speriamo di leggere presto un post carico di buone notizie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francy! Sono cresciuta con Jovanotti, per forza... "penso positivo" ;)

      Elimina
  6. Cacchio, che diluvio. Mi dispiace.
    Baciotto a te e alla mamma e ghiaccio virtuale sulla faccia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie M.
      Ricambio il baciotto con labbra gelide :)

      Elimina
  7. Mi spiace e ti capisco, questi periodacci capitano a tutti (circa) e si vede tutto nero, è normale, e ci si chiede quando tornerà il sereno in senso metaforico e non, mi spiace ripeto soprattutto quando c'è di mezzo la salute che davvero è la cosa + importante. Un abbraccione sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilaria? haha cara Sandra, abbiamo scoperto il tuo alter ego.
      So che sai bene come ci si sente in queste situazioni.
      Un abbraccione

      Elimina
  8. Mmmh... il crollo della sedia era collegato ai chili in più? :D
    Scherzi a parte, tanti auguri alla tua mamma, e anche a te, in attesa della risalita. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo di no! Adesso con le leccornie del Bel Paese sarà dura calare, meno male che mi sono saltate le vacanze al mare così non devo mettermi in costume (sigh).
      Grazie tesoro.

      Elimina
  9. Secondo me ti devi riempire di tagliatelle. Mia nonna mi curava così da tutto, cuore infranto compreso (coraggio <3)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahaha questa poi non l'avevo mai sentita. Mi sembra un'ottima idea, comincio subito la dieta della linguina al cinghiale. <3

      Elimina
  10. quando piove diluvia ma poi il cielo ritorna sereno...lo dico per sentito dire ....
    auguroni per tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo dicono ci sarà un motivo... speriamo... grazie mille.
      Questo è niente rispetto ad altri veri diluvi che sono accaduti a certe persone di mia conoscenza. Non avrei nemmeno il diritto di lamentarmi. Apprezzo il tuo supporto e ricambio.

      Elimina
  11. D'acchito sembra che serva sempre più pazienza di quanta saremmo disposti a mettercene. Poi finalmente tutto passa e ci si può guardare alle spalle, magari con un bel sospiro di sollievo.
    Un abbraccio virtuale a te e alla mamma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pazienza? Quale pazienza? :)
      Grazie e ricambio l'abbraccio virtuale.

      Elimina
  12. Quando le sfighe si ripetono in itinere e viene messa in discussione la salute di chi vogliamo bene, l’unico vero conforto è l’affetto di chi ci vuol bene.
    Tieni Duro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna quello non manca. Grazie, sarà fatto.

      Elimina
  13. Intanto mi dispiace molto per tua mamma e per il tuo sangue. Spero che tutto passi on fretta e che al mio rientro a RE possiamo farci una bella chiacchierata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci siamo date il cambio, adesso sono io che parcheggio la bici davanti all'ASMN.
      Buone vacanze e a presto!

      Elimina
  14. Mi spiace molto per tutti questi contrattempi. La bilancia ha un paio di rotture di coglioni astrologiche, in questi giorni. Abbiamo represso tante energie che stanno uscendo pian pianino: se non le facciamo uscire in modo sano esplodiamo o ci tiriamo dietro un po' di rogne, incidenti e menate varie. A volte è come essere dentro una pentola in ebollizione.
    Io ieri ho spaccato un piatto e una terrina piena di insalata... volontariamente, fra l'altro, perché mi giravano le palle. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che l'insalata non fosse già condita! Pulire l'olio da terra sarebbe una rottura astrologica enorme :D
      Grazie Claire, cercherò di espletare le mie energie senza ricorrere al bazuka.

      Elimina
    2. Sì, lo era... e c'erano dentro anche i pomodori che sono schizzati fin sulla porta... sono esplosa. Ho trattenuto troppo, sul lavoro soprattutto...

      Elimina
    3. ... ecco spiegato perché l'aggiornamento di lunedì e stato posticipato! :-D

      Elimina
    4. ... ecco spiegato perché l'aggiornamento di lunedì e stato posticipato! :-D

      Elimina
    5. hahaha, sei pericolosa! :D
      Invece che "piovono polpette", a casa tua volano insalate!

      Elimina
  15. Ti abbraccio virtualmente e ti auguro che tutto si risolva presto!
    Non so se il rosmarino di Granada possa servire, però fra vedere e non vedere io proverei a usarlo comunque :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, tentar non nuoce! Grazie Giulia, ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  16. Uh, periodo davvero bruttino! L'importante è che la tua mamma si ristabilisca e pian piano tutto andrà per il verso giusto!
    Un abbraccio e niente dieta eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Glò, la dieta in Italia non si fa mai, devo approfittare finché posso dei sapori dell'orto, della frutta, del vino, del pane, che fame!
      Ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  17. Coraggio Lisa. La Sfortuna è una megera permalosa. Se la ignori strepita. ma dopo un po' si offende, se ne va sbattendo la porta, e se ne sta alla larga per un bel po'.
    Auguri alla tua mamma e un abbraccio a te.

    In veneto abbiamo un proverbio per le emergenze:
    "Par salvarse serve tre ròbe: ocio, gamba e on buso da sòndarse" :-)

    Apresto.

    RispondiElimina
  18. Errore: Scòndarse, non "sòndarse" (trad. nascondersi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che hai corretto perché un "buso da sondare" mi aveva fatto pensare a qualcos'altro :D
      Grazie Vittorio!

      Elimina
  19. Sempre bene non può andare, sempre male non può durare (quanto mi piacciono i detti popolari)... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello anche questo, io adoro i proverbi. Speriamo che ci becchino :D

      Elimina
  20. Forza e coraggio Lisa, non sarà uno spigolo a fermarti! Questo è il momento in cui occorre far girare la ruota dalla parte giusta, credici!
    In bocca al lupo per tutto!

    RispondiElimina