PIACERE DI CONOSCERTI

10 Ottobre 2016 - Cena del ringraziamento in famiglia-
con mia nipote Isabel e l'immancabile Cooper
Questo blog nasce dalla voglia di condividere la mia passione per i libri con la community di scrittori italiani. Dopo un anno di blogging in inglese su All you can write ho scoperto che mi mancava l'ironia e la dolcezza dell'italiano e sono partita per un viaggio diverso, stavolta armata di dizionario anziché di biglietto aereo. 



Quando ho aperto il sipario, il primo settembre 2014, non avevo idea di cosa volevo dire o di che taglio avrei dato ai post. Alla fine se mi chiedete che tipo di blog ne è uscito, vi direi che è bipolare; certe pagine sono serie e impegnate, altre sono dissacranti e rilassate. Mi riflette in pieno insomma, per questo ho scelto il titolo de agostibus, perché io sono la Lisa Agosti e finisco sempre per fare quel che mi pare secondo i miei gusti e senza dar retta a nessuno. 

Per chi volesse saperne di più su di me e sulla mia storia, continuate a leggere. Altrimenti seguite i progressi del romanzo che ho (quasi) finito, le recensioni dei libri che leggo, o i miei racconti brevi. Nella pagina dei contatti trovate info su come scrivermi e anche qualche foto della mia vita oltreoceano.


Su di me e su come sono arrivata qui oggi


In famiglia mi chiamano "la vagabonda" perché nessuno sa quando parto né quando arrivo, ma ormai si è capito che tanto ferma non ci so stare. 

Dirvi chi sono non lo so, i puntini non si sono ancora uniti per me. Le uniche costanti della mia vita sono i libri e gli amici, e li porto sempre tutti con me, i primi stipati in testa, i secondi a scaldarmi il cuore.


Sono nata in autunno, c'erano i baracconi in città, tutti sul bruco mela e il calcinculo con le mani appiccicose di zucchero filato. 
A quattro anni scrivevo e riscrivevo il mio nome in stampatello a colori mentre mia nonna sferruzzava all'uncinetto e mi raccontava di quando aveva rubato una gallina per comprarsi i collant per andare al ballo.
A dieci anni la maestra scrisse di me: "Lisa, di libri gran divoratrice, da grande farà la scrittrice".
Invece, il giorno dopo la Laurea in Psicologia Clinica dell'Infanzia sono partita, zaino in spalla, per andare a vedere cosa c'era di là dal cancello. Sono passati tredici anni da quel giorno e ancora non mi sono messa l'anima in pace che proprio tutto, questo meraviglioso Mondo, non potrò vederlo.

Come ogni backpacker, tengo il conto di quanti Paesi ho visitato, odio i turisti e so parlare un po' di tante lingue. Se mi aveste incontrato lungo la via, mi avreste trovata intenta a pubblicare articoli su ricerche scientifiche, a pulire cessi in un ostello australiano, a contare le stelle cadenti, a spidocchiare bimbi nelle favelas, o a servire aragoste a piedi scalzi.  Quando da grande, seduta in poltrona, guarderò indietro, penserò alla grazia degli squali, all'aroma dei sigari cubani, alla scarica d'adrenalina dell'attimo in cui ci si  lancia da un aereo a quindicimila piedi d'altezza.

A Reggio Emilia ci tornerei, anzi ho sempre più voglia di ritrovare i piccoli piaceri italiani, i campi di grano al sole, le chiacchiere in dialetto animate dal vino. Eppure devo ammettere che sto passando sempre più tempo in Canada. Mi domando se non abbia a che fare con quel buffo e imprevedibile personaggio canadese di cui mi sono accidentalmente innamorata tra una maschera, due pinne e un pesce pagliaccio.

E così qui mi trovate, a guardar fuori da una finestrella piovosa sui boschi d'acero, mentre rivivo le mie avventure di posti esotici e personaggi improponibili e le metto nero su bianco.


Se ancora non avete avuto abbastanza... 
per più foto e notizie sulla mia vita e i miei viaggi, vi invito a leggere quest'intervista del giornalista Stefano Bersanetti sul blog Pensieri Strani...eri.

25 commenti:

  1. Ti sei descritta proprio alla perfezione! Brava de agostibus..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cugi, tu sì che ne sai qualcosa! Ci vediamo sul tuo blog mammaleggiamoinsieme, faremo a gara a chi diventa famosa prima ;)

      Elimina
  2. Tanti auguri per il tuo neonato blog! Ho appreso adesso della sua esistenza e sono passata subito a trovarti :)
    P.S. Anche io sono nata in autunno. Sarà per questo che è la mia stagione preferita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e benvenuta! Complimenti per il tuo blog "Appunti a margine" che sta spopolando grazie alla perfezione e alla professionalità dei tuoi post. L'autunno suscita riflessione e raccoglimento, doti fondamentali per diventare bravi scrittori! Non vedo l'ora di leggere il tuo primo romanzo, in bocca al lupo e spero ci aiuteremo a vicenda!

      Elimina
    2. Grazie mille per le tue parole! Questo clima di curiosità intorno alla mia opera da un lato mi riempie di timori (sarò all'altezza delle aspettative?) e dall'altro mi dona lo stimolo per andare avanti quando vorrei destinarlo al caminetto! Amo quello che scrivo, ma ho tanto da imparare! Mi piacerebbe avere un po' di tempo per dedicarmici full-time perchè a causa del lavoro sto procedendo con pachidermica lentezza. Sono giunta al punto di essere felice quando mi ammalo, per poter rimanere in casa a scrivere con il portatile sulle ginocchia.
      Il successo del blog è inaspettato e mi riempie di gioia. Ci metto tanta passione. Ho alcune idee per migliorarlo, che realizzerò a breve.
      Per l'aiuto reciproco... certo che sì! :)

      Elimina
  3. P.S. per me l'autunno è il periodo delle ripartenze, dei nuovi progetti dopo lo "svacco" estivo, dei buoni propositi. E della riflessione silenziosa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io quest'autunno prevedo molte serate sul divano col pannetto e il portatile. Penso che il blog sia una buona motivazione a scrivere ma mi sta mettendo un po' d'ansia, prima scrivere il mio romanzo era un'opzione, adesso mi sento che devo per forza scriverlo se no che figura ci faccio! Da quello che ho letto sul tuo blog il tuo romanzo è su un argomento molto importante e impegnato, è una scelta coraggiosa. Io sono partita da qualcosa di troppo grande per me (psicologico + thriller) e ora l'ho ridimensionato a qualcosa di leggero (amicizia + viaggi) perché mi pare che si addica di più al mio stile. In altre parole, sto ancora cercando la mia voce!

      Elimina
  4. Lorenzo Borghi17/9/14 3:08 AM

    Giranzolona!! :)

    RispondiElimina
  5. Mi metto anche io sulle tue tracce. Il tuo blog: ottimo lavoro.

    RispondiElimina
  6. Grazie e benvenuto, spero di leggere tante nuove wawostorie nei prossimi mesi. Si dice Uauos o Vavos? :)

    RispondiElimina
  7. Ciao Lisa, volevo contattarti per un contributo su Cartaresistente. Questa l'email: cartaresistente@yahoo.it

    RispondiElimina
  8. Lisa ti ho letto, qui, e sei dolcissima :-)
    Ho visto un tuo cenno e non potevo esimermi da venirti a trovare ed ho così appreso dei tuoi nobili intenti e fervori e ti seguirò con piacere nella tua scalata alla montagna. Infatti, c'è da dire che, ahimè, si è una schiera che sempre più si ingrossa: è un flusso di parole e pagine elargite generosamente che fossero... carta-moneta, emigrerebbero dalla Svizzera in Italia! :-)
    Allora, a presto! :-)

    RispondiElimina
  9. PS Noto ora che il tuo blog non è Wordpress e ahi-ahi! mi sarà difficile essere aggiornato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Guido, grazie di essere passato a trovarmi, anch'io seguirò il tuo blog, l'ho scoperto da poco ma mi sembra molto interessante.
      Se vuoi tenerti ricevere una mail quando esce un nuovo post puoi mettere il tuo indirizzo nella casella sulla destra di questa pagina che dice "follow me" e riceverai una mail con un link su cui cliccare per confermare l'iscrizione al deagostibus. A presto :)

      Elimina
  10. Piacere mio, Lisa! Sei ironica e molto simpatica, in più scrivi bene e cose intelligenti. Mi servirà qualche giorno per aggiornarmi sui contenuti del tuo blog, ma ho piacere di seguirti.
    (Bello il Canada!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina, troppo gentile! Ero già passata dal tuo blog qualche volta e ho preso il tuo romanzo "31 Dicembre" in versione digitale. È nella mia lista di libri da leggere nei prossimi mesi :)

      Elimina
  11. Ma grazie, davvero! Mi farai sapere cosa ne pensi, allora!

    RispondiElimina
  12. Che emozione leggere la tua storia. Sei una bella persona, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Sono passata a trovarti sul tuo blog Scrivere la vita! Bello!

      Elimina
  13. Sarà un piacere seguire il tuo blog, anche perché io sono un po' il tuo opposto e viaggio solo dentro la mia testa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio, Isa, in comune abbiamo l'amore per i libri e per i cani :)

      Elimina
  14. Un blog che parla di letture, scrivere e viaggi...non posso non inserirlo fra i blog da seguire! :D
    Un abbraccio dal mediterraneo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato la stessa cosa quando ho visitato il tuo blog! :D
      Ricambio l'abbraccio dal Pacifico.

      Elimina
  15. Ok, mi sento preso. Sono felice di aver fatto la domanda a google su quante parole ci dovessero essere in un romanzo solo perchè sono arrivato qui. Certo la domanda era un po' stupidina visto che, da librivoro, capisco che la lunghezza non è uno standard da rispettare ma un'alchimia sapiente tra le cose da dire e il come dirle. Comunque, da ora, ti seguirò molto volentieri e mi confronterò con te, se lo vorrai, su un lavoro che sto portando avanti. Grazie comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Fabio, ora sono curiosa di sapere di questo lavoro che stai portando avanti... provo a indovinare, un romanzo noir?

      Elimina