30/05/18

Il mio primo fan


Oggi all'una è suonato il campanello a casa Agosti. 
Chi osa così dissacrare il solenne momento del pranzo familiare?
È il postino, che ci consegna la prima croccante copia del mio romanzo, Non torno subito, ordinato due giorni fa su Amazon.

Che emozione! Poter toccare con mano 5 anni di lavoro e il sogno di una vita.
A ordinare la copia è stato mio padre, il mitico Bruno Agosti, colui che un giorno mi raccontò di un tale che mise un cartello alla porta del suo negozio in centro a Reggio Emilia e sparì senza spiegazioni per diversi anni. Da lì è nata l'idea per il "Torno subito", il negozio di molle di Pernovo, fulcro delle vicissitudini dei miei personaggi.
L'involucro del libro è rimasto incolume fino al termine dell'inviolabile pasto a tavola cucinato da mamma Lucilla (ora rinominata nonna visto l'ingresso nel nucleo familiare di baby Luna) e composto da primo, secondo, contorno, formaggi, frutta e noci, lambrusco e liquorino digestivo. Niente di strano, direte voi, ma per me che vivo sperduta tra i boschi canadesi e sono costretta a una dieta di pomodori di plastica e lattuga da dieci dollari a foglia, per di più cucinata da me medesima che sono negata ai fornelli, il trovarmi di fronte a tortelli e scaloppine è un'esplosione di ghiandole salivari accompagnata dal rilascio istantaneo di endorfine del piacere.
Una volta satolli, è poi finalmente arrivato il grande momento dello scarto del libro, duecentosettanta pagine di distillato di fantasia e sudore. La copertina è bellissima, con l'immagine ideata da Chiara Ferretti, la stessa fantastica amica artista che ha disegnato il logo del deagostibus che vedete qui sopra. La casa editrice, goWare, mi ha accontentato in tutto e per tutto e ha perfezionato lo schizzo aggiustando colori e misure.



Dentro c'è il mio nome e la mia foto e mi emoziono nel vedermi sorridente, fresca di trucco e parrucco ad opera di Jenni Peters e immortalata dall'obiettivo di Samantha Haines.


Dopo la dedica, poche righe rubate a una canzone che descrive la mia anima, parte il primo capitolo. Vedo nero su bianco quelle parole che ho scritto e riscritto, gettato e rigettato, spostato e odiato fino a quando mi sembravano perfette e che ora comunque mi sembrano manchevoli, insufficienti perché so che sono così importanti nel determinare se il lettore proseguirà nella lettura ed è una tale responsabilità per poche stringhe di vocali e consonanti. Ora però sono là fuori e tutto quel che posso fare è aspettare e sperare di ricevere tanti commenti e tante recensioni. Belle o brutte che siano, quel che conta è la visibilità, giusto? Se saran belle scriverò contenta, se saran brutte scriverò meglio. Eh già, perché sono già all'opera per pubblicare al più presto altri due romanzi. 
Per oggi però mi godo un (vero) gelato e vi scrivo per condividere con voi, miei fedeli compagni di viaggio, la pura gioia che provo nel vedere mia madre giocare con mia figlia e mio padre seduto in poltrona da tre ore filate con in mano la copia del mio primo romanzo. 


Se vi va di dare un'occhiata all'estratto del mio libro, lo trovate QUI.

Acquista su AMAZON
Acquista su APPLE STORE
Acquista su GIUNTI AL PUNTO
Acquista su GOOGLE PLAY
Acquista su IBS
Acquista su KOBO BOOKS
Acquista su LA FELTRINELLI

PS: Ma dov'è finito il buon Neil? Povero lui, è rimasto in Canada a lavorare mentre noi ce ne stiamo qui a festeggiare! Se non fosse stato per il suo incrollabile supporto alla "YES, YOU CAN" non so se ci sarei arrivata in fondo. Lui che non potrà nemmeno leggere il libro finché non sarà tradotto in inglese, è ed è sempre stato il mio primo fan. 

29 commenti:

  1. Eh, ai genitori queste soddisfazioni fanno bene al cuore! Ma fanno bene anche al cuore dell'autore. :) Vado ad acquistare. Intanto complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, mi raccomando voglio un parere spietato! Non risparmiare critiche. Per ora mi gongolo nei complimenti.

      Elimina
  2. Grande traguardo: congratulazioni!
    Al buon Neil potresti leggerlo tu la sera (ma come fai a tradurre certe italianissime espressioni?).
    Ah...ricorda di portarti in Canada almeno una forma di parmigiano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Avevo iniziato a scrivere in inglese ma ho smesso proprio perché è impossibile far ridere e piangere come in italiano.
      "I know my chickens" non ha lo stesso gusto di "conosco i miei polli"!
      Il parmigiano si trova... ma costa più dell'oro!

      Elimina
  3. Mi ricordo la corsa che feci per riuscire a mettere "Buck" in mano a mio padre nel giorno del suo compleanno.
    Complimenti per tutto, capisco la tua pura gioia... Dottore che sintomi ha la felicità? Un bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dev'essere stato un bellissimo traguardo per te! Complimenti.
      Grazie mille e buon proseguimento, non vedo l'ora di leggere il tuo prossimo libro!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grande Darius, grazie ancora del tuo aiuto!

      Elimina
  5. Brava Lisa, complimenti! lo comprerò senz'altro e poi ti darò un feedback (prima o poi, perchè tu hai baby Luna, io anche ho un baby che mi toglie un po'di spazio!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefano, anche i miei tempi di lettura sono decisamente cambiati da un anno a questa parte! Adesso ho trovato un metodo che funziona abbastanza bene, ho seminato libri in ogni stanza e leggo una pagina qua e là quando mi capita l'occasione. Più che altro però sono manuali per i genitori e manuali di scrittura, cose che possono lasciare e riprendere dopo una settimana senza rischiare di perdere il filo della trama.

      Elimina
    2. ahah geniale! ci proverò anche io!

      Elimina
  6. Eccomi, ora siamo colleghe in goWare, al quale però tiro le orecchie: ha aumentato il prezzo degli e book :(
    Però, la cosa fondamentale è un'altra, ovviamente, la gioia di questa pubblicazione, al quale sono certa ne seguiranno altre, anzi tu ce lo stai già confermando, wow e poi la tua famiglia riunita, ehm sì manca Neil, povero! Questo maggio ormai alla fine per te è stato un gran mese, adesso non abbandonare il blog, goditi ancora i piatti emiliani e tutto quanto. Sei splendida in questa foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che privilegio essere tua collega cara Sandra!
      Certo, ho notato che il prezzo è aumentato e mi sono scusata con le persone a cui avevo anticipato due euro in meno per l'acquisto. Ho chiesto spiegazioni a goWare e mi hanno detto che non sarebbe giusto svalutare un romanzo che loro ritengono importante... ho fatto la coda come un pavone.
      Sì sono molto contenta, si sta proprio bene in vacanza!
      Grazie e spero che i tuoi progetti trovino lo spazio che meritano.

      Elimina
  7. Che bello Lisa, complimenti sinceri, sono molto curiosa di leggere il tuo romanzo. Sono felice che tu possa goderti l'Italia e le coccole dei tuoi genitori e la tua bimba meravigliosa! Ma quanto sei bella in quella foto wow, fantastica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh ma grazie, quanti complimenti!
      Spero che il libro ti piacerà, mi raccomando se hai tempo lasciami una recensione sincera.

      Elimina
  8. Complimenti Lisa! Ora non resta che correre a comprarlo :-)

    RispondiElimina
  9. Appena ordinato su Amazon.
    Non vedo l'ora di leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Mi raccomando, ci tengo molto al tuo parere spietato! Se un giorno riuscirò a scrivere bene come te sarò contenta! (Mi accontento della metà!)

      Elimina
  10. Federkika804/6/18 2:01 AM

    Anche a me poco fa è suonato il campanello.....e il postino mi ha consegnato il TUO libro :) non vedo l'ora di iniziare la lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo Kika che emozione! Grazie! Ecco adesso sono in paranoia che il libro non sia abbastanza ben scritto... X_X

      Elimina
  11. Beh, l' ho appena ordinato. Non vedo l' ora di vedere come è venuto fuori...
    Poi ti scrivo se mi è piaciuto.
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vittorio, se sapessi... il diario su cui abbiamo tanto lavorato ha rischiato di finire falciato in revisione! Invece sono molto contenta di aver deciso di tenerlo e per intero. Spero di aver saputo rendere i tuoi racconti in modo dignitoso. Fammi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  12. Uao, complimenti!!! Copertina e foto bellissime tra l'altro! Metto in lista! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore! Se mai lo leggerai, ci tengo molto a sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  13. Ma si da così?
    Notiziona senza preavviso? Complimenti! Adesso sei ufficialmente una scrittrice.
    Tuo padre è dolcissimo nella foto e da maschietto, immagino la sensazione che possa provare nello stringere il libro di sua figlia fra le mani. La piccoletta che ha stretto fra le sue braccia, adesso è anche lì, sulla quella carta piena di parole.
    Io ho avuto l'esperienza con mia madre. Lei non aveva mai letto un libro. E' nata in un tempo e in un contesto in cui la lettura non era di casa.
    Però il libro di suo figlio se lo è letto per intero. Ha impiegato un mese per 270 pagine. Ed era bello vedere il suo entusiasmo nel raccontarmi le scene che la colpivano. Mi intratteneva come se io fossi una persona a cui raccontare cose sensazionali e non come colui che quelle cose le aveva scritte.
    Col secondo romanzo ho avuto qualche imbarazzo. Alcune amiche blogger/scrittrici mi hanno detto che alcune scene erano un po' troppo erotiche. Oh mio Dio, ho esclamato, avevo già dato il libro nelle mani di mia madre! Per fortuna quelle scene, non me le ha commentate... fiuuuu, altrimenti mi scappava il viso color peperoncino.

    Complimenti per questa tua prima grande avventura. E' un traguardo di emozioni e vibrazioni straordinario. Però no, non ci siamo. Il titolo sembra una minaccia: Non torno subito. Mettiti subito a scriverne un altro, ormai sei scrittrice e ne vale la pena.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco mi fai commuovere! Che bella storia, mi pare di vederla la tua mamma con l'orgoglio stampato in faccia. Complimenti e grazie per aver condiviso questa tua esperienza.
      Anch'io tremo un po' al pensiero delle scene erotiche... sono quelle che ho revisionato meno, penso che vadano scritte quando ci si sente ispirati e poi dimenticate, altrimenti non si pubblicherebbero mai.

      Torno, torno... è una minaccia! :D

      Elimina