14/04/16

Blog tour: Storia in sei parole


Venghino, signori, venghino! Oggi ospitiamo il blog tour organizzato dal nostro secchione della classe, il famosisssimo Michele Scarparo del blog Scrivere per caso.

Autore di tante rubriche interessanti, Michele ha proposto ai soliti sospetti di cimentarsi nell'arduo compito di mettersi nei suoi panni, così che a noi non è rimasto che rimboccarci le maniche mentre lui se n'è andato in vacanza (non se le sta godendo, purtroppo, perché gli fischiano continuamente le orecchie, e se lo merita).

Se vi sentite chiamati in causa ma non trovate il vostro nome nel seguente elenco, siete ancora in tempo a mettervi in fila per farvi schiavizzare dallo Scarparo. Lo trovate qui.

Ecco le puntate precedenti del blog tour:

E a breve sui vostri schermi:

  • Giulia Mancini (Liberamente Giulia) – una storia in sei parole – 18 aprile
  • Seme Nero (Semi d’inchiostro) – thriller paratattico – 20 aprile
  • Barbara Businaro (Webnauta) –  acchiappami – 22 aprile

Storia in sei parole


Siete pronti a giocare? Ecco le regole. 

Avete sei parole, non una di più, non una di meno, per esprimere un concetto ispirato alla parola scelta per voi questa settimana.
Dicono che il primo sia stato Hemingway, per vincere una scommessa: «For sale: baby shoes, never worn» (Vendesi: scarpe per neonato, mai indossate). Di sicuro sei parole sono sufficienti a dipingere una storia. Persino un romanzo. Ma sono poche, dannatamente poche, e non è facile per nulla.
Se volete fare pratica prima di cimentarvi nella prova di oggi, qui trovate le altre puntate della rubrica "Storia in sei parole".
La parola di oggi è KINTSUGI.

Il kintsugi è la tecnica giapponese del rimettere insieme i cocci di un vaso rotto utlizzando una lacca collosa mischiata a polvere d'oro, d'argento o di platino. In questo modo, anziché gettar via un oggetto ormai inutilizzabile, se ne crea uno più forte e più bello. È una forma d'arte che parla direttamente alla mia anima fenice, che crede alla capacità di ogni essere umano di rinascere dalle proprie ceneri, di cadere e sapersi rialzare.

Da bravo banditore, comincio io: Colerò pepite salate quando saprò perdonarmi.

Giocate con me?

72 commenti:

  1. Hai fatto una frase bellissima :)

    Carezze dorate uniscono cocci di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!

      Anche la tua frase è spettacolare!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Diventa un litigio costoso, caro mio!

      Elimina
  3. Stare insieme rompe e aggiusta tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande verità! Grazie Silvia di essere passata.

      Elimina
  4. Amicizia, oro che unisce le anime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amicizia vera è oro puro.

      Grazie Darius di essere passato.

      Elimina
    2. Grazie a te.
      (Passo sempre di nascosto...) :-)

      Elimina
  5. Ah che frase meravigliosa Lisa! ho letto di questa tecnica giapponese nel libro di Concita De Gregorio "Mi sa che fuori è primavera" è un bellissimo concetto.
    la mia storie in sei parole:
    1. Vita nuova: sono rinata dal dolore.
    2. Le mie ferite mi rendono nuova.
    la terza non mi viene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia!

      Ho sentito parlare di questo libro, me lo consigli?

      La terza ti verrà quando meno te l'aspetti!

      Elimina
    2. 3. La mia vita rammendata vale ancora.
      Storia in sei parole della domenica mattina :-)
      Sì il libro te lo consiglio perché tratta una storia tragica e purtroppo vera con grande delicatezza e armonia. Ne parlo anche in un mio post di gennaio.

      Elimina
    3. http://liberamentegiulia.blogspot.it/2016/01/come-si-sopravvive-una-tragedia.html
      Ecco il link

      Elimina
    4. Visto che ti è venuta in mente la terza? :D

      Saggezza domenicale, forse.

      Ho letto il tuo post e mi sono segnata entrambi i titoli, mi sembrano davvero ottime letture, anche se non molto allegre.

      Elimina
  6. Urca, che potenza in questi cocci dorati, i Jap la sanno lunga su ste cose! Complimentoni per la scelta.

    1 Ho dorato le ferite: ora rinasco!
    2 Vasi rotti, rivivono con la doratura!

    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, il Giappone ha una lunga e ricca tradizione a cui attingere!
      Grazie!

      Elimina
  7. Ho oro e ferite, per rinascere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ferite di sangue, cicatrici d'oro.

      Elimina
  8. Avevo letto anch'io di questa tecnica. Ma il super attack oro non l'ho ancora trovato al Brico! ;)
    Le mie sono pari pari dall'intro del mio IPDP (uhhhh):
    "Non buttare via quella seconda occasione!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbero inventarlo!

      Se per IPDP intendi Individual Professional Development Plan (Google docet) allora "think ahead, look ahead, act ahead"!

      Elimina
  9. Se ricongiungi, potrà vivere di nuovo.
    Polvere dorata che unisce la vita.
    E per finire: con la colla non viene bene. Questa vince, no?


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo, cara Monica... non è così facile vincere! ;)

      Elimina
  10. Cicatrici diventeranno vene d'oro lucente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cicatrici solcate da venature d'oro.

      Elimina
  11. Risposte
    1. Grazie di essere passata banca del tempo!
      Ne approfitto per farti un po' di pubblicità e consigliare a tutti di leggere il tuo blog: donare il proprio tempo vale è l'investimento più prezioso che si possa fare!

      Elimina
  12. Oro nelle nostre ferite: è amore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però che male che fa... quasi quanto un trasloco! :D
      Sei sopravvissuta?

      Elimina
    2. La tua parola calza giusto a fagiuolo: per ora sto sopravvivendo, ma il mio meraviglioso vaso di ceramica non è sopravvissuto. *>$£~+=O.o :((( ...
      E se utilizzassi il Kintsugi per risolvere il problema?

      Elimina
    3. X_X

      Ahia! Che peccato!
      Potresti provare il kintsugi... anche se non viene bene, sarà comunque un bel ricordo!

      Elimina
  13. Trovare oro per riparare è difficile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'oro del cuore costa tanto.

      Ciao Simo, grazie di essere passata!

      Elimina
  14. Cocci cementati salvano unità e unicità.

    Ferite rimarginate intagliano il nostro presente.

    Frammenti riuniti: metamorfosi della materia annoiata.

    Antiche crepe colmo di rinnovato amore.

    Preziose cicatrici serbano storie di rinascita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello vederti da queste parti, iara!
      Vedo che gareggi per il ruolo di secchiona della classe!
      Bellissime frasi, la mia preferita è "ferite rimarginate intagliano il nostro presente". Mi piace l'idea di "intagliare".

      Elimina
    2. Grazie Lisa. Mi piace molto leggere il tuo blog. ^_^
      Si si si! Voglio strappare il titolo al campione imbattuto. :-P

      Elimina
    3. La competizione è feroce! :D

      Elimina
  15. Si frantumò. Nessun oro per lui.

    Kintsugi ricompone i cocci del Giappone.

    ciao Lisa,
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si frantumò in cocci d'oro.

      Ciao ml, grazie di essere passato.

      Elimina
  16. Mai sprecare rotture. Ricreare dal dolore.

    Cocci sono tuoi, li rincolli tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della serie, chi si incazza si scazza! ;D

      Elimina
  17. Il mio cuore è ancora integro.

    Non sono cicatrici ma esperienze vissute.

    Sono fuori forma, è lunedì mattina, ma dopo ritorno! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non male per un lunedì mattina! :D

      Elimina
  18. Zucchero dorato: la pillola va giù.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri ho letto di una nuova idea regalo: pillole glitter da regalare agli amici per fare la cacca arcobaleno.

      http://metro.co.uk/2014/12/12/the-ultimate-party-girl-gift-pills-that-make-you-poop-rainbow-glitter-4984836/

      Elimina
  19. 1.rinasco più forte dalle mie ferite
    2.d'oro luccicano le cicatrici passate
    3.oro nelle vene,dove scorrevano lacrime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima! Ma tu, sai fare tutto? Pure scrittrice mi diventi?

      Grazie di aver giocato con noi! <3

      Elimina
  20. Credo nella luce in una cicatrice.

    Buongiorno! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sono scordata di te... è che i tuoi post sono lunghi e mi capita sempre qualcosa prima di riuscire a finirli con calma! Prometto che mi metterò in pari.

      Buonanotte! :D

      Elimina
  21. Non è riciclo, ma una rinascita!
    Fedi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di aver combattuto la Apple e di aver trovato il modo di postare le tue sei parole!

      Rinascere dalle proprie macerie, che forza!

      <3 <3 <3

      Elimina
  22. Risposte
    1. Quella è una gran bella sensazione!

      Elimina
    2. In realtà non l'ho mai provata, la mia "storia in sei parole" è un'opera di fantasia :D

      Elimina
    3. È un po' come levarsi gli scarponi da sci dopo una giornata sulle piste.
      Gudurioso... specialmente se poi ti infili i morbidi Moon Boot ( o mammut, come li chiamavo io da bambina!) :D

      Elimina
    4. o.O

      C'è sempre una prima volta.

      Elimina
    5. Ma non so se mi serve un nuovo modo per farmi male :D

      Elimina
    6. Perché dovresti farti male? Non insisto, comunque, che se poi ti spacchi una gamba mi prendi a gessate! :D

      Elimina
    7. Ho una certa predisposizione al farmi male più del dovuto +_+

      Elimina
  23. Lisetta bella, passa dal mio blog, sei stata nominata *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella sorpresa! Grazie per la nomination! :D

      Elimina
    2. Argh! Ero passata per dirti la stessa cosa! ;)

      Elimina
    3. Grazie Monica! Vengo subito a leggere le tue risposte!

      Elimina
  24. Nei margini sbrecciati assemblo la vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi rimetto insieme, coccio dopo coccio.

      Elimina
  25. vaso rotto evaso ratto dal pattume
    vaso ricomposto è arte di rottura?
    meglio romper vasi che romper visi
    un vaso da notte va nettato

    belli i vasi noti dei visigoti!
    sono sfasato come un vaso svasato
    un vaso volò urtando sei parole
    meglio vasi cinesi che galline domani
    devo evadere, invasato; ho da fare !
    [cazzeggio per non scrivere il romanzo]
    ale (con clava, piccioni e pigrizia)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...adesso ho letto con attenzione e ho capito....sono andato parecchio fuori tema...mi vergogno di me stesso....sono un bimbo che appena fiuta un pò di marmellata la inghiotte a cucchiaiate e s'affoga....
      "mi rimetto alla clemenza della colla"

      Elimina
    2. bellissimo finale! :D
      Ora torna a scrivere il romanzo, basta cazzeggiare! :D

      Elimina