03/01/15

Dammi tre parole


Quest'anno scrivere i propositi per l'anno nuovo non è stato facile. Invece del solito: "basta cioccolata, basta sigarette, basta cazzate" mi ritrovo a dover guardare bene, a fondo, dentro di me. E questo non solo per colpa del mio stomaco acciaccato che mi costringe a una vita di tisane al finocchio e riso in bianco. La colpa è anche di Daniele Imperi, che ispirato da Chris Brogan ha lanciato il meme Tre parole per il 2015. Le regole sono semplici: scegliere tre parole che rappresentino i nostri obiettivi a breve termine nella vita, come persone e come scrittori. Per facilitarci il compito, si può scegliere la prima parola in funzione dei propri desideri, la seconda pensando ai propri amici e familiari e la terza in relazione alla propria attività lavorativa. Spero vorrete partecipare lasciando le vostre tre parole nei commenti o sui vostri blog.


Dammi tre parole



1) Sole: dopo dodici anni in giro per il mondo, senza fissa dimora, ho iniziato a sentirmi dissociata, dispersa, come se avessi lasciato un pezzetto di me in ogni Paese che ho visitato. Nella mia mente i ricordi e le lingue si mescolano rendendo difficile concentrarmi su dove sono e dove sto andando. Nel 2014 mi sono impegnata a ritrovarmi e sono contenta dei risultati ottenuti, ma devo ancora imparare a stare ferma in un posto senza soffrirne. La verità è che se fosse per me sarei ancora in giro e certi giorni sento sulle spalle tutto il peso delle vite che non sto vivendo. Il mio proposito per il 2015 è di centrare la mente e il corpo, di riunirli in un sole luminoso nel mio petto, da cui poter irradiare calore ed energie.

2) Cuore: non ho fratelli o sorelle, per cui i miei amici sono la mia famiglia tanto quanto mamma e papà. Non basta un mare a dividermi dai miei affetti, ovunque essi siano dislocati. Come ogni anno, il mio proposito è di fare il più possibile per far sentire ai miei cari che li porto sempre con me, nel mio cuore. Se poi vorranno smetterla di figliare come conigli e ricominciare a viaggiare, sarà un po' più semplice incontrarci!

3) Amore: amo i libri, come li amate voi. Si tratta di un amore incondizionato, travolgente, malato. Soffro quando non posso leggere o scrivere, ogni cosa che faccio che non abbia a che fare con la parola scritta mi agita, come una perdita di tempo. A volte leggo di nascosto in momenti inopportuni e quando sento qualcuno che si avvicina faccio finta di essere impegnata in altro. (Lo so che lo fate anche voi, è inutile negarlo). Quest'anno voglio lasciarmi conquistare da questa passione, abbandonarmi ai libri, dormirci insieme, sbrodolarmi mentre mangio per salvare la pagina dal sugo. Voglio scrivere il libro che avrei voluto leggere e che non è mai stato scritto. Voglio ridere sguaiatamente immersa in una vasca da bagno stracolma di lettere dell'alfabeto profumate. Voglio spendere tutti i soldi che non ho in software di scrittura e libri digitali. Voglio gridare al mondo il mio amore e lasciare che si libri nel vento.



Come dite? Le mie tre parole le aveva già dette qualcun altro? Ma figurati, chi farebbe successo con sole, cuore, amore? La gente non è mica stupida!


27 commenti:

  1. Be' il successo di quelle tre parole è durato solo un'estate. Mi auguro che sulle tue tre parole tu possa costruire un 2015 fantastico. Anche un 2016, 17, 18... Intanto buon incipit d'anno (vedi, so parlar solo di libri).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua è un'ossessione comune da queste parti, potremmo fare i LA, i Lettori Anonimi :) Grazie e ricambio gli auguri!

      Elimina
  2. Grazie per aver partecipato :)
    A me piace viaggiare, ma voglio una fissa dimora. Nel tuo contesto le 3 parole scelte hanno un senso :)
    Auguri per le tue parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incrocio le dita e spero che tanti altri parteciperanno al meme, forse essendo vacanza non tutti sono online in questi giorni.

      Elimina
  3. A prima vista avevo letto "Drammi tre parole". Pensavo che stessi facendo il paio con i romanzi in sei parole di Hemingway :)

    Io, da parte mia, passo. Per i propositi di inizio anno ho una vera avversione :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però potresti davvero scrivere i drammi in tre parole, mi sembra un'ottimo spunto! :)

      Elimina
    2. "Addio, mondo crudele!" - abusato, ma sempre efficace
      "Il treno dei desideri" - Anna Karenina ai minimi termini

      se ne potrebbe fare un hashtag per tweetter e #scritturebrevi :)

      Elimina
    3. "Latitante spacciatore minorenne" - Peter Pan e la polvere di stelle
      :D

      Elimina
  4. Questo sarà anche il mio post di lunedì, quindi non scriverò qui le mie parole.
    Però il giochino di Daniele mi ha coinvolta a tal punto che ci ho rimuginato tutta la notte.
    Avevo già scritto i miei cinque obiettivi per il 2015, dunque non è stato difficile. Le tre parole sono il filo conduttore che li unisce. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! Aspetto di leggere le tue tre parole allora. Spero che tu abbia passato buone feste, mi sei mancata in questi giorni in cui entrambe eravamo meno attive sul web :)

      Elimina
    2. Durante le vacanze mi sono connessa pochissimo... un po' mi girano le palle (scusa il francesismo) perché avrei voluto scrivere di più. Ma anche andare in giro non mi ha fatto certo male...
      Oggi dovrei riprendere con i consueti due aggiornamenti settimanali. :)

      Elimina
  5. Questo tuo post mi piace tantissimo. I passaggi che mi colpiscono di più? "Centrare la mente e il corpo, riunirli in un sole luminoso nel mio petto, da cui poter irradiare calore ed energie." Sì! E poi tutto quello che dici sull'amore. "Ogni cosa che faccio che non abbia a che fare con la parola scritta mi agita, come una perdita di tempo." Malattia comune! Anch'io mi trovo troppo spesso a partecipare alle cose come un avatar, mentre la vera me stessa è altrove. E il "qui e ora", quando lo viviamo? Tanto vale fare come dici: lasciarlo volare, questo amore. Buon anno, con affetto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo! L'idea dell'avatar è perfetta! Finalmente potrò spiegare a chi mi chiede perché me ne sto lì incantata con lo sguardo perso nel vuoto: "Sorry, it's not me, it's my avatar" :D

      Elimina
  6. Ribadisco: Libri, cioccolata e pizza. E non smuovetemi da questa condizione sinnò ve mozzico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ennò, eh, nun me mozzicà! Stai pur nella tua condizione, anzi, aspettami che vengo pure io!

      Elimina
  7. Questo giochino è fantastico! Mi piacciono le parole che hai scelto e la descrizione che hai saputo dare per ognuna d esse.
    Non vedo l'ora di poter leggere qualcosa di tuo che superi le 100 pagine (vuole essere un augurio) ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, anch'io non vedo l'ora di scrivere qualcosa che superi le 100 pagine... che sia decente però :D

      Elimina
  8. SALUTE SERENITA' LIBRI le mie parole. Un bacione Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembrano ottimi propositi! Forse sono più speranze che progetti, nel senso che la salute e la serenità dipendono molto dai casi della vita. Quel che possiamo fare è cercare di mantenerle o di ritrovarle, curando la nostra persona fisica e mentale.

      Elimina
  9. Dormire (di più); Concludere (qualcosa); Cambiare (casa). Queste sono le mie tre... per ora. Ma le parole vanno e vengono, cos'è che resta allora? Noi, ovunque siamo.
    Non mi piace viaggiare. Mi piacerebbe rintanarmi in una grotta invece. Piena, però, di tutte le moderne comodità. Sai, sono un uomo pigro, pregno di rispetto per gli accessori tecnologici.
    Buon 2015, spero che il tuo Cuore faccia l'Amore con il Sole. O qualcosa del genere insomma. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Salvatore :)
      Dormire di più è una tua scelta, dipende se la tua priorità è scrivere o riposarti. Penso che il giusto mezzo sia sempre la soluzione migliore.
      Concludere qualcosa? Lo stai già facendo. Continua così e vedrai risultati concreti.
      Cambiare casa, è facile se vuoi andare a vivere in una grotta :D
      Basta che ci metti il wi-fi ed è fatta!

      Elimina
  10. Cara Lisa, che post pieno di luce! Io credo che il tuo 2015 sarà altrettanto luminoso, ma per non sbagliare ecco il mio incantesimo: ti auguro ancora tanti viaggi e un luogo profondamente tuo a cui ritornare, perché anche il lupo di mare più incallito ha una casa – sempre vicino ad un porto. Ti auguro tantissimi progetti Scrivener convertiti in tanti formati diversi, ognuno a spasso per il mondo con il carico delle tue parole e una missione da compiere. Ti auguro un lettore con gli occhi umidi che ti mandi una mail, una mattina, nella quale ti racconta come la tua storia gli ha cambiato la vita. Ti auguro che pochissimi osino disturbarti mentre leggi o scrivi, e che siano gli amori della tua vita. Il plurale è voluto. Ti auguro di riuscire a disattivare gli acquisti One-Click da Amazon, perché io non ce la faccio mai e poi non ho il coraggio di guardare gli estratti conto. Ecco, basta. Felice 2015. Ti abbraccio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena! Che bell'augurio! Spero che il lettore a cui cambio la vita non pianga dalla disperazione... Se sei una fanatica dei One-Click forse Kindle Unlimited è la soluzione! Io vorrei provarlo ma sto aspettando le recensioni di altri utenti che l'hanno testato. Il tuo nick mi ha inviato a un blog diverso da quello su cui ti ho scritto stamattina, o sbaglio? Comunque benvenuta e grazie, ricambio l'abbraccio :)

      Elimina
  11. Dunque, a freddo senza aver letto i commenti precedenti:
    VERITA': mi piace come suona e per quel che significa. Mi auguro che i miei desideri siano sempre in sinergia con la mia anima, che non remino contro
    DEDIZIONE: questa parola significa dono, avere cura... è come vorrei essere per la mia famiglia. Che siano per me al primo posto :-)
    CRESCITA: questa è la parola che mi viene se penso alla scrittura. Ho in mente alcuni progetti per il 2015, spero si realizzino.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Ti propongo un altro giochino che mi ha fatto venire in mente il tuo post.
    Se ti va! Dovresti dire le prime tre parole che ti vengono in mente, se pensi alla tua scrittura. Ti faccio l'esempio che ho scritto nella pagina del gruppo che gestisco (ho un piccolo gruppo per "Motivarsi a scrivere"): Ecco le mie 3 parole: SGUARDO, perché mi piace il suono della a aperta, e mi stimola a pensare a cosa c'è dietro gli sguardi dei personaggi. RESPIRO, mi dà l'idea di qualcosa di vitale, poi associo il suono della i al soffio del vento. E naturalmente CIELO: lo descrivo spessissimo nei miei romanzi.
    Bacioni e scusa se mi sono permessa! Complimenti perché c'è tanta positività e vitalità nel tuo blog! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bel giochino! Mi ha subito conquistata. Dunque, prima di tutto le tre parole per il 2015 che hai scelto sono ottimi consigli per tutti, verità, dedizione e crescita, te le rubo perché è quello che voglio fare anch'io! :)
      Permettiti pure quando vuoi, il de agostibus è nato apposta per parlare di quel che ci va, in amicizia :) Prima di rispondere con le mie tre parole, ti chiedo: perché non lanci un meme sul tuo blog, in cui spieghi le regole del gioco e inviti tutti a partecipare? Dopo potrei postare il mio citandoti e mettendo il link al tuo blog!

      Elimina
  13. Certo Lisa! Appena riesco a recuperare il Mac (in famiglia c'è lo rubiamo tutti, adesso sono su iPad ma non riesco a preparare i post da iPad) scrivo il post sul mio blog e ti chiamo! A presto!

    RispondiElimina