05/11/18

#Me too



Oggi vi vorrei parlare di un progetto cominciato da qualche settimana sul blog di Tratto d'unione.
Il tema riguarda l'attualissimo movimento #metoo e propone ogni Lunedì una testimonianza scritta da una donna italiana che in qualche modo, in qualche momento, è stata vittima di abuso, violenza o discriminazione sessuale. 

L'impegno che Tratto d'unione ha messo nel creare questa serie, a cui anch'io partecipo con un racconto che uscirà Lunedì prossimo 12 Novembre 2018, merita un inchino. 

Voglio ringraziare lei e tutte le partecipanti per aver parlato e aver ispirato tante altre a uscire allo scoperto. 

Qui di seguito trovate il post di Tratto d'unione con cui si apre il progetto e i link al suo blog dove potete leggere le testimonianze.


2_MeToo
Oggi parte su questo blog un nuovo progetto, legato al movimento Me too, che ci accompagnerà per diverse settimane e che, ogni lunedì, vedrà la pubblicazione dei racconti – testimonianze di vita vissuta – scritti da donne che hanno subito molestie.
Si tratta di blogger, amiche, amiche di amiche… che ho invitato a uscire dal silenzio per raccontare le loro esperienze in un mondo dove, purtroppo, ancora molti uomini si permettono di cedere ai propri desideri senza tener conto di quelli della donna che li ha suscitati.
AriannaFarricellaArianna Farricella (1991), giovane e talentuosa fumettista, ha accettato di illustrare queste storie, perciò ogni racconto sarà accompagnato da un disegno creato appositamente da lei, che voglio ringraziare per la disponibilità e la sensibilità con la quale ha tradotto le parole in immagini.
Il Me Too movement esiste già dal 2006. Lo ha fondato negli Stati Uniti Tarana Burke per aiutare donne sopravvissute alla violenza sessuale e con lo scopo di aumentare la consapevolezza della pervasività degli abusi sessuali nella società. Poi, apartire dal 2017, l’hashtag #MeToo si è diffuso in tutto il mondo in seguito alle accuse di molestie a Harvey Weinstein.
“Se tutte le donne molestate sessualmente o violentate scrivessero ‘Me too’ come status, potremmo dare alle persone un senso della vastità del problema.” (Alyssa Milano)
Con queste parole, nell’ottobre 2017, l’attrice Alyssa Milano – una delle Streghe della famosa serie – ha incoraggiato le donne di tutto il mondo a usare l’hashtag #MeToo su Twitter e sugli altri social e moltissime hanno raccolto il suo invito.
Alyssa_Tarana
Alyssa Milano e Tarana Burke
La rivista Time ha nominato persona dell’anno 2017 “The Silence Breakers”, vale a dire coloro che hanno rotto il silenzio, le voci che hanno lanciato un movimento, le donne di tutto il mondo che hanno condiviso le loro esperienze di violenza sessuale e molestie, incluse quelle che lo hanno fatto come parte del movimento MeToo.
“Le molestie sessuali fanno vergognare, e penso che sia davvero importante che stia accadendo questo spostamento: che le donne non solo siano in grado di condividere la loro vergogna, ma anche di trasferire la vergogna su colui al quale appartiene veramente, cioè l’autore della molestia.” (Tarana Burke)
Tarana Burke spiega così l’importanza di prendere la parola e cominciare a raccontare la propria vergogna, perché così facendo la mettiamo al posto giusto, compiamo un atto di amore verso noi stesse e testimoniamo quanto diffuso sia il comportamento di certi uomini, quanto dannoso sia per tutte le donne, quanto possa essere doloroso per molte.
“Alla fine a farmi decidere di scrivere la mia testimonianza è stato il sentimento di riconoscenza verso quante, in tempi e forme diversi, mi hanno donato le loro storie, aiutandomi a leggere la mia.” (Assia Petricelli)
Assia Petricelli, autrice della graphic novel Cattive ragazze, ci offre con queste parole un’ulteriore motivazione per spronarci a non tenere nascoste nel silenzio le nostre esperienze.
“È fondamentale per me che mettiamo veramente in atto alcune azioni per continuare questo slancio”. (Alyssa Milano)
È ancora Alyssa Milano a parlare, e io sono d’accordo con lei. Ecco perché, a distanza di un anno da quell’ottobre del 2017, quando l’attrice americana Ashley Judd per prima denunciò pubblicamente le molestie subite da Weinstein, dando anche a tutte noi il coraggio di parlare, anch’io voglio mettere in atto un’azione che serva a mantenere viva la fiamma che illumina la speranza di tutte noi: che un mondo dove le donne possano sentirsi veramente sicure e libere sia possibile.
E allora ringrazio tutte quelle che hanno partecipato donandomi le loro storie, ma ringrazio anche quelle che non hanno voluto scrivere perché ancora troppo oppresse dal ricordo delle violenze subite. Quelle che hanno sofferto e anche quelle che hanno solo sentito fastidio, perché comunque si manifesti, in modo forte, subdolo o persino spiritoso, un abuso è sempre da condannare.

10 commenti:

  1. Cara Lisa, ti ringrazio per aver rilanciato il progetto, cosa molto buona dato che l'obiettivo è raggiungere il maggior numero possibile di persone, ma soprattutto grazie per aver partecipato :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e scusa per il ritardo, devo confessarti che ho fatto molta fatica a trovare l'energia mentale per leggere le storie uscite finora. Trovavo sempre scuse, non era mai il momento "giusto" per rovinarmi l'umore con verità scomode. Quando infine mi sono costretta a leggere l'ho fatto con un occhio aperto e uno chiuso, sperando di non trovare stupri e violenze su minori. Te lo dico sinceramente, visto che hai avuto le palle di organizzare un progetto che sicuramente ti ha fatto passare la voglia di mangiare ma non ti sei tirata indietro.
      Complimenti e mi auguro che i tuoi sforzi servano ad aiutare tante persone.

      Elimina
  2. Brava Lisa hai fatto bene a parlare di questo tema sul tuo blog. È importante che non cali mai il silenzio su questa storie e che si resti uniti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, il silenzio è il nemico numero uno.

      Elimina
  3. Bene, non vedo l'ora di leggerti il prossimo 12 novembre dunque.
    Davvero non sapevo che il MeToo fosse un movimento già esistente prima dello scandalo Weinstein. Quindi ottimo il rilancio di Alyssa Milano (di origini italo-americane!) in questa occasione. Non ho esperienze personali da portare, per fortuna, ma l'altra sera vedendo il documentario Fahrenheit 11/9 di Michael Moore mi sono trovata a pensare che certi politici si assomigliano alquanto nel modo di trattare le donne, anche in casa nostra. Questo poi diventa un pessimo esempio per tutti gli altri uomini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, se pensi ai personaggi pubblici che ci sono in giro finisci per stupirti che ci sia ancora brava gente da qualche parte. Per fortuna noi abbiamo Trudeau che pare un brav'uomo e quando fa notizia è qualcosa che riguarda la politica e non la sua vita privata.

      Elimina
  4. Un progetto che merita. Aspetto di leggere il tuo racconto

    RispondiElimina
  5. Mi unisco agli altri commenti. Benvenute a tutte queste iniziative. E al tuo racconto.

    RispondiElimina